giovedì 26 gennaio 2012

Come vestirsi in bici - Winter Edition

Molti amici, parenti e amanti mi chiedono come sia possibile che io esca in bici nel periodo invernale.
Mentre loro per uscire da casa e fare 15 min di passeggiata guardando vetrine si devono vestire come gli esploratori dell'Alaska, e comunque hanno sempre freddo, io (come tantissimo altri biker) riesco comunque ad uscire in bici ed evitare di diventare un protagonista del film L'era glaciale.
Segreti non ce ne sono, c'è solo la necessità di indossare capi tecnici di qualità e indossati sensatamente.
Ho letto in giro di persone che si imbottiscono con doppie maglie termiche, pile, antivento, gilet, doppi pantaloni lunghi, il tutto anche per andare a correre.
Dalla mia piccola esperienza, penso che vestirsi con troppi strati non va assolutamente bene, anzi, il corpo deve sempre e comunque respirare.
Ripeto, la grande differenza la fa il capo che deve essere molto buono a livello di materiali e questo non è, solitamente, legato alla marca, cioè non è detto che una marca meno conosciuta faccia schifo.
Ad esempio sono un fiero utilizzatore delle maglie termiche da 17€ della Decathlon, per me ottime e alla pari di marche ben più blasonate e che costano moooooolto di più.
Per farvi un esempio, ecco le varie fasi della vestizione prima di una mia uscita in bici di 2 ore in bici con -3°.
FASE 1
Calze invernali, mutande, pantaloncino da running (per avere maggior protezione zona del big-bamboo), maglia termica (è quella di Decathlon).


FASE 2
La fondamentale salopette lunga, felpata all'interno e con antivento esterno.


FASE 3
Per maggior protezione metto sempre una maglietta a maniche corte in materiale tecnico traspirante.


FASE 4
Giacca antivento, una delle cose più importanti, deve essere veramente di ottimo materiale. Ai piedi, sopra le scarpette, copriscarpe in materiale antivento, anche questi devono essere ottimi per evitare il congelamento dei piedi. In questo caso il completo è della vicentina BiEmme.


FASE 5
La fase finale prevere: scaldacollo sul collo (che tengo sempre sopra il naso così il viso è sempre caldo), scaldacollo da usare come cappello sottocasco (per evitare che si geli la testa), guanti in neoprene (lo stesso materiale delle mute) che isolano da freddo e intemperie, e gli immancabili occhiali da sole.


Buona uscita in bici e mi raccomando, attenzione alle strade ghiacciate ma, soprattutto, vi ricordo una cosa FONDAMENTALE e IMPORTANTISSSSSIMA:

METTETE SEMPRE IL CASCO, METTETE SEMPRE IL CASCO, METTETE SEMPRE IL CASCO, METTETE SEMPRE IL CASCO, METTETE SEMPRE IL CASCO, METTETE SEMPRE IL CASCO,
non è una cosa che dà fastidio o che non serve un cavolo,
anzi, serve a salvarci il culo!

See you
IronBike Guzzo

25 commenti:

  1. Risposte
    1. grazie ragazzo, non vedo l'ora di venir giù in bici così mi tirate un po' il collo nella mia amata terra vicentinaaaaa!!!

      Elimina
  2. coprirsi è fondamentale.....ma non troppo...
    freddo anche qu isul litorale abruzzese, spero solo che la pioggia non ci accompagni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un paio di volte ero uscito troppo vestito e sono impazzito dal caldo... preferisco sopportare un po' di freddo che quel caldo!!!
      Qua è previsto tempo bruttissimo con neve da sabato in poi.....

      Elimina
  3. Risposte
    1. eh eh potrei anche, è che poi con la mia velocità in bici mi prenderebbero dopo 100mt!!!

      Elimina
  4. Risposte
    1. nascosti nelle tasche posteriori... sempre pronti per essere lanciati contro il nemico!!!

      Elimina
  5. non mi dirai che hai costretto la Katia a farti le foto?
    sei da imprigionare :) eh he he

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh ovvio che è stata lei... oramai è dentro al frullatore della pazzia anche lei!!!

      Elimina
  6. In bici d'inverno ci sono andato solo un anno e poi only run..che dire..quoto tutto quello che dici..anche se penso che, per esperienza, trovo che i prodotti invernali (quando fa freddo freddo) "di marca" sia migliori rispetto a quelli, seppur dall'ottimo qualità prezzo, del decathlon.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prova la termica da 17€, vedrai che ti stupirà, è fenomenaleeeeee!!!

      Elimina
  7. Sembri la versione cattiva di Spiderman: IronVenomGuzzo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spideguzz potrebbe andar bene come nome???

      Elimina
  8. Gran bel post, molto interessanti i metodi utilizzati per proteggersi dal freddo. Bravo Guzzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie uomo, i supereroi servono anche per questo.. eh eh eh

      Elimina
  9. Hai dimenticato una cosa fondamentale uomo, un foglio di giornale o cartoncino che sia, contro il freddo è imbattibile!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelli li uso in fine primavera, quando esci la mattina e fa ancora un po' freddino... direi inimitabili!

      Elimina
  10. We ma le mutande??!!! gia questo dimostra che proprio tecnica sta roba non è..poi la maglia corta sopra la termica serve a niente proprio..si mette solo la termica e l antivento.punto.poi le mutande..puah,,quello lo sanno anche i neonati che non si mettono..poi scusa i pantaloni da running sotto le calzamaglie inutili e patetici..bah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...pensa che mi capita di indossare anche i boxer così sto più caldo!
      Ma è così tanto un'eresia vestirsi se si ha freddo?????

      Elimina
    2. ma che simpatico è sto anonimo qua???? io pensavo anche di mettere un bel piumino colmar!! uhuhuhuh

      Elimina
    3. spettacolo Mauroooo... Colmar e Manboot argentati... faresti un figurone!!!

      Elimina
    4. Guzzo dai, tu de vestiario 'nce capisci un cazzo!
      Io le mutande le metto al contrario per avere le cuciture all'esterno!
      Impara Guzzo impara!!!
      hahahaha!!!!!

      Elimina
    5. ...e io che volevo rispolverare la superpippo della naja.............

      Elimina
  11. Ottima spiegazione e fondamentali le foto per capire meglio... noto una certa somiuglianza con rocco siffredi...

    RispondiElimina