giovedì 31 maggio 2012

Triathlon Medio 70.3 Pettenasco - Il post TWO

Super Anto in action
Parte II - se vuoi leggere la Parte I clicca qui

Per la prima volta so già che tipo di percorso avrò davanti… quindi so già come e quando affrontare i vari tratti più duri o facili. Due giri del Lago d’Orta, ovviamente da fare a bomba! La prima parte è un piattone alternato a qualche salita, dove butte sempre dentro il rapportino per preservare il più possibile le gambe.
In piano mi tolgo molte soddisfazioni, tengo la velocità fissa sopra ai 35km/h, spesso intorno ai 39km/h, godo e svernicio qualche crono man… azz sono felice mentalmente perché mi rendo conto che tutti gli allenamenti e tutto il spaccarmi le gambe in bici sta dando i suoi frutti!
Intorno al km 8 mi passa a bombazza Paolo, urlandomi cose Made by BDP, gli rispondo ovviamente e lo incito. Si inizia con il tratto più cazzuto, le salite, alternate a salite e qualche rampa… spacca gambe assolutamente dove bisogna stare concentrati. Qui la foga di sorpassare gli altri mi fa un andare fuori giri, quindi mi calmo un po’ per evitare di far vedere il fungo atomico elevarsi sopra la mia ombra!
Due ramponi bestiali preannunciano una discesa molto tecnica che conoscevo e dove guadagno molte posizioni, rischiando un po’ ma.. d’altronde… dov’è il divertimento se non rischiamo???
Dopo un falsopiano dove ci do dentro di rapportino sempre per tenere la gamba leggera, mi butto sul discesone che porta ad Omegna, spettacolare come me lo ricordavo, dove non ho mai smesso di pedalare e passando anche qui un bel po’ di gente. Arrivo a bomba in centro di Omegna e prendo così veloce il tratto in pavè che credevo si dilaniasse in 1.000 pezzi il telaio, mi immaginavo già di finire nel lago con pezzi di carbonio incandescenti che mi seguivano… che scaga… mai mollare però, via a pedalare come un matto in mezzo ai turisti e poi di nuovo direzione Pettenasco.
Qui soffro un po’, uno con la crono che avevo ad una ventina di metri vedo che va via, è tutto piatto e c’è un po’ di vento che ferma l’IronGuzzo. Mi spiattello sulla bici come il burro ma vado più piano (cmq sempre intorno ai 35km/h). Passo a Pettenasco dove mi immagino di trovare la Katia urlante invece il silenzio… solo Claudio mi urla di spaccare tutto a tutti!
Ma dov’era la Katia???? Misterooooo... La sera saprò che era comoda comoda con le gambe sotto il tavolo a mangiare… eh eh mentre io mi scassavo le gambe intorno al lago… thanks mon amour…………. eh eh.
Secondo giro, la velocità di crociera resta alta ma diminuisce di qualche km/h, oramai io e un tizio della Stradivari facciamo un tira molla infinito, lui va di più in piano, io in salita… subito mi stava mandando in crisi sto andare e venire, poi ho deciso di sfruttarlo a mio favore e prendere il tizio come obiettivo da disintegrare.
Ci provo più volte anche in piano, appena penso di averlo seminato lo vedo giù sulle appendici che mi passa…. Aaaaaaaaaaa che odioooo….  Nell’ultimo tratto in salita, pago un po’ il primo giro a bumbazza e perdo strada dal tizio ma che, con orgoglio e follia, raggiungo in discesa dove penso sempre a Savoldelli e alle sue mitiche discese al Giro!!!
Ad Omegna passo un po’ più lento per preservare i pezzi di carbonio, affianco tizio, gli dico “dai che ci siamo oramai” tizio non mi caga… si butta in piano e mi brucia di 50 maledettissimi mt che non riuscirò più a recuperare.
Finalmente arrivo a Pettenasco, i km totali non sono 90 ma 82, per un total time di 2ore 22min 11sec.
Tempo STELLARE per me, troppo felice, troppo soddisfatto, se anche la gara finisse in quel momento sarei stato comunque ok con me stesso
Entro in Zona Cambio ansimando a causa della corsa con le scarpette, chiedo al giudice chi c’è in testa… mi dice "D’Aquino, se corri forte riesci a raggiungerlo” eccome nò… eh eh “ sì sì lo raggiungo di sicuro, anzi lo sorpasso, non di corsa però, a prosecchi al bar dopo!!!” gli rispondo... ride!!!!
Tempo in T2 1min 15sec.

Vado a letto... a domani per la parte III

16 commenti:

  1. Spettacolo. Non vedo l'ora di scoprire come va a finire. La terza parte è quella in cui ci capisco un po' di più. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Drugo... fra poco arriva la parte più dura della giornata....

      Elimina
  2. forse tizio non ti ha risposto perché non era italiano....

    sai quante volte mi capita di non rispondere ai svizzero-tedeschi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fidati fidati.. è italianissimo... sono andato a vedere le classifiche e il cognome è italianissimo!!!

      Elimina
  3. Diego, veramente complimenti!!!! 35km/h sono tanta, tanta roba. e me ne rendo conto visto che quando spingo a tutta riesco a tenerli solo per pochissimi km.
    Un grande applauso, tutto il culo che ti sei fatto con Anto e gli altri ti sta ripagando di brutto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thanks Mauro... vai tranquillo... quando hai iniziato a correre andavi già ai 4'00???? L'allenamento non tradisce, ti restituisce tutto quello che gli dai!

      Elimina
  4. ehehe a 4'00" non ci vado neanche ora! ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come noooooo... vai come un treno di cosa!!

      Elimina
  5. s p e t t a c o l o !!! Attendo il terzo tempo!!!

    RispondiElimina
  6. ma che tempo hai fatto in bici?! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai visto che roba???? pazzesco... ribadisco.. spaccarsi le gambe serve!

      Elimina
  7. sabato mattina si pensava ad un giro in giro, partenza verso le 7 così siamo a casa per mezzogiorno ... che dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo... vi aspetto in zona Varese???????

      Elimina
  8. io esagerando i 35 km all'ora riesco a tenerli per 300/400? massì diciamo pure UN chilometro. In piano eh, perchè in discesa siccome freno posso riuscire a fare anche i 22KM/H :DDDD
    bravissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh ma fiugratiii... basta un po' di allenamento e vedrai che ce la fai anche tu!!
      ma quei 22km/h in discesa???? Ma sai che ci si comincia a divertire dopo i 60km/h??????

      Elimina