mercoledì 25 luglio 2012

Ironman Nizza 2012 by Kekko

Della serie "Un Blog in prestito", vi pubblico con ENORME piacere il racconto del grandissimo Kekko e del suo Ironman Nizza 2012.


THE BIG SUNDAY!!!

Tutto è iniziato più di un anno fa, quando mi è parso che la mia vita stesse cadendo in un baratro.
Pensai a lungo se i problemi fosse meglio risolverli seduto al tavolino di un bar o buttarmi a capofitto nelle mie passioni, arrivando al punto di esasperarle.
Decisi che la soluzione giusta era la seconda e così mi trovai nel tunnel dello sport, quello vero, fatto di fatica, sofferenza, passione e, oggi lo posso dire, grande soddisfazione.
Pensai che la cosa migliore fosse quella di aspirare al traguardo più alto, all’olimpo del triathlon a quella specialità che si chiama triathlon lungo o Ironman. Ammetto, inizialmente ero molto perplesso, ma ci volevo provare … arrivai a questo grazie ad una persona splendida, che conobbi in questo ambiente, la mia Annina.
Così io e gli altri tre disperati, Antonello, Guzzo e Paolo, decidemmo di iscriverci all’Ironman France, la gara in assoluto più dura di tutti il circuito Ironman, con il solo scopo di divertirci assieme, di realizzare un sogno e di dimostrare a noi stessi che le difficoltà si possono superare con la determinazione (come diceva Pantani "in fondo la salita è una cosa anche normale, assomiglia un po’ alla vita, devi sempre un po’ lottare").
Ci trovammo a questo punto avvolti in una spirale che ti stringe sempre più e dalla quale non puoi più uscire. Allenamenti alle ore e nei momenti più impensabili, nuotate al lago e al mare con condizioni meteo assurde, uscite di corsa quando ancora tutti dormono, infortuni, momenti di sconforto, momenti di esaltazione, rinunce, sacrifici, mangiare all’esasperazione, avere sempre mal di gambe, repulsione alla vita sociale e …
Tutto questo diede il suo risultato la mattina del 24 Giugno 2012, quando alle ore 3.45 suonò la sveglia. Mi alzai dal letto e solo allora mi resi veramente conto che ero a Nizza, che era arrivato il momento tanto atteso e che i 4 ragazzi partiti da Varese con un grande sogno, quello di tagliare la finish line di un Ironman erano pronti per la battaglia finale. Quello sarebbe stato il loro giorno, il giorno che li avrebbe consacrati campioni!!!
Colazione tutti assieme nella stessa camera, con stati d’animo completamente diversi, Paolo apparentemente rilassato, Antonello consapevole di ciò a cui sarebbe andato incontro, il nostro IronGuzzo molto concentrato ed io intrattabile.
Da quel momento in poi è un susseguirsi di emozioni contrastanti … fatica, sconforto, esaltazione, trans, svenimento, rilassatezza, ansia, agitazione, panico e finalmente felicità, tanta, tanta, tanta felicità … quando dalla curva all’inizio de tappeto blu è spuntato Paolo, e noi li ad attenderlo, perché se anche uno solo non fosse stato presente, la festa non avrebbe potuto avere inizio!!!
Come avrete certo capito tutti siamo arrivati al traguardo e diciamocelo con ottimi tempi. Non sono sufficienti 1 milione di parole e di fogli per raccontare ogni istante di quella giornata.




Ora, a distanza di un mese, inizio a rendermi conto di ciò che sono riuscito a portare a termine. Anzi, sbaglio, siamo riusciti a portare a termine, perché senza le persone che mi sono state vicine non ci sarei mai riuscito … è proprio vero che come diceva il Che ognuno di noi da solo non vale nulla”.
Ringrazio tantissimo Anna (solo lei sa come riesce a sopportare tuttora i miei allenamenti e i miei sbalzi d’umore), i miei genitori (santi), la mia nonnina (ma che nonna, sorella maggiore), i miei tre compagni di avventura (ma quante ne abbiamo passate assieme e soprattutto ne passeremo???), Katia (un angelo) e tutti i ragazzi, amici del Vatri e non solo che mi sono stati vicini; ricordo coloro che sono venuti appositamente a Nizza, Elena che ci è venuta a trovare prima della partenza, l’epo-bombolone alla crema di Beppe …
… in culo alla sfiga e a tutti gli altri!!!
Ora sono pronto per nuove battaglie, consapevole delle mie possibilità, forse un po’ arrogante, ma un mio amico e campione mi ha detto che questo è l’atteggiamento giusto… vai uomo a bombazza, il prossimo anno tocca a te!!!

Kekko

13 commenti:

  1. Grande impresa Kekko. Anzi, Iron Kekko ehehe.
    Ora dicci quanto hai pagato al Guzzo per l'affitto del blog : D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah,ah,ah, pagato caro...
      è stato un onore per me scrivere sul blog più gettonato nel mondo del triathlon....spero di essere riuscito ad esprimere ciò che veramente abbiamo provato in quei momenti. ciao!!!
      Kekko

      Elimina
    2. Costo una birra media ogni 200 parole eh eh eh

      Elimina
  2. allora l'affittare il blog rende ..eheheh bel post mister kekko e ti faccio anche a te i complimenti ,con diego gia' di persona ho avuto modo di farmi raccontare le vostre imprese titaniche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...devi ubriacare il Kekko a spritz come hai fatto con me!!!

      Elimina
  3. ci vedremo presto bress...e saranno tante le cose da raccontare.
    non dubitare, non bastano 100 anni a cancellare le senzazioni che si provano a varcare quella finish line!!!
    ...hai visto, i fulminei si sono fatti rispettare!!!
    A bombazza!!!
    Kekko il fulmineo di Varese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che prima o dopo si convince a fare sto benedete La Fulminea Triathlon Team...

      Elimina
  4. GRANDE KEKKO, ANCHE IL TUO RACCONTO MI HA FATTO EMOZIONARE E SENTIRE LI' CON VOI...
    COMPLIMENTI ANCORA.

    A PRESTO UN ABBRACCIO PASTINA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa gara è un vortice di emozioni!!!

      Elimina
    2. Grande Marco...ora tocca a te e poi voglio un racconto dettagliato di ogni singolo istante!!!
      A presto.
      Kekko

      Elimina
  5. Tanto per parafrasare Aristotele e il "Che" Ala Bombazza Siempre!!! eh eh eh Grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yessss a bumbazzaaaaaaaaa!!!

      Elimina
    2. Grandeeeee!!!!
      Kekko

      Elimina