mercoledì 19 settembre 2012

Triathlon Int.le Mergozzo 2012 - Part I

Ovvero, la gara che mi ha confermato che se non ti alleni... sono solo che cazzi tuoi, SOFFRIRAI!
Ovvero, quando un litro di birra può diventare un obiettivo di una gara!

Solito spettacolare ritrovo di triatleti la mattina presto a Mergozzo, fa freddo, mi ritrovo con i compagni di avventura, il lago è piattissimo, calmo, ritiro pettorali, colazione, cacatina per chi gli scappa, pompata alle ruote e via in zona cambio.
Sono molto tranquillo, con noi Paolo alla sua prima in questa distanza, e le nostre tre super girls Elena lunga, Elena corta e Sara, loro decisamente più vicini a farsela sotto che ad essere tranquilli.
Prepariamo con calma la zona cambio, sbaviamo un po' in giro guardando bici, ruote, cambi, catene, bulloni, cavetti... era come portare un bambino a Gardaland!
Tentiamo di rassicurare i rookies, ci buttiamo in acqua per tagliare il fiato e poi via, incolonnati verso la start line. Con Paolo ripasso e ricordo i secondi di cagarella totale che avevamo provato a Nizza, proprio prima dello start... bellissima!
Ci diciamo di GODERCELA tutta, ci diamo il cinque, qualche pacca sulle spalle e giù in acqua, ready to start???? PEEEEEEEEEEEEEEEEEE
La tromba da stadio ci dà il via, inizio a fare quello che non facevo da due settimane... NUOTARE!
Stranamente e senza tanti casini, mi ritrovo tranquillo e non in mezzo alla tonnara malefica... mah strano... meglio così, una preoccupazione in meno.
Parto molto lento, so di non essere pronto e forzare vorrebbe dire sprofondare negli abissi con il solo risultato di essere mangiato da qualche pesce siluro!
Come sempre non vedo le boe dove devo girare, seguo quindi la massa, con qualche scassa minchias che comincia a battermi sui piedi, a prendermi dai polpacci... oggi non voglio e non riesco a battagliare, rallento un po' e mi sposto! Raggiungo le piccole boe indicavano la verticale perfetta fino alla boa, 2mt sotto l'acqua vedo addirittura la cordicella che le tiene legate... spettacolo, è come andare in piscina con la linea nera!
E' la prima volta che mi capita di vederla, realmente la fatica si dimezza, puoi dimenticarti di tirar su la testa tanto sai che arriverai al punto giusto.
Giro la boa e capisco di non essere andato velocissimo, non ero in mezzo al caos come al solito! Prendo la via del ritorno, vedo lontanissimo il gonfiabile e penso... "azz l'è proprio tanto tanto in fondo!"
Vedo molto davanti a me un gruppone, irraggiungibile, mi trovo solo a nuotare, quasi come in allenamento al lago di Monate! Continuo a non forzare ma tengo un ritmo abbastanza easy, non vado mai in affanno, oggi va così, non posso pretendere di più.
L'arrivo non ne vuol sapere di avvicinarsi... sempre là, distante... porca miseria se l'è dùra senza allenamento!
Finalmente dopo tanti, tantissimi minuti esco vivo e vegeto dall'acqua, sento Katia, gli amici e i compagni di squadra urlarmi ed incitarmi, mi gaso, prendo a tutta la malefica salita che porta alla zona cambio, evito una gomitata da uno che toglieva la muta, sorpasso lungo il malefico ciotolato e mi taglio sotto un dito del piede, ho il cuore fuori soglia di 130 battiti almeno... pazzesco quella salita infernale da fare a piedi appena usciti dall'acqua è una di quelle cose che ti sbarellano alla grande!
Arrivo in zona cambio e trovo Paolo XXL proprio a fianco dela mia bici che era quasi pronto, ci chiediamo come va, ci incoraggiamo e ci salutiamo "prepara la birra che arrivo, aspettatemi" gli urlo!
Mi sparo fuori, inforco la mia Specialized con i cerchi "nuovi"... e via, si parte per i famosissimi 90km colmi di vento di Mergozzo.

To be continued...

15 commenti:

  1. Oh santo Guzzzo, per fortuna c'è il tuo blog e i tuo racconti che parlano di sport.
    Questa mattina non ho avuto un risveglio particolarmente sereno e tu sai perchè; per fortuna ci sei tu!!!
    Avanti così uomo!!!
    Kekko

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Kekko, alla fine quello che interessa a noi è nuotare, pedalare e correre!!!

      Elimina
  2. Spettacolo la bici con i cerchi "nuovi"...ora attendiamo il secondo post! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. belli sì, e anche molto veloooooooci!!!!

      Elimina
  3. così, per curiosità, ma Paolo quanto è alto???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah il fratellone è 207!!

      ps per la cronaca... ex nazionale di basket...

      Elimina
    2. Ha per caso una deRosa bianca e nera?
      Son stato superato da un atleta di quella stazza e le dimensioni del telaio mi son rimaste impresse!

      Elimina
    3. Confermo... è lui con la sua belva su misura!!!

      Elimina
  4. Alla buon ora!! :-))
    Però la salitella fuori dall'acqua, in mezzo al paese, tra la gente, è stata di certo la cosa più esaltante della giornata.
    Me la son goduta, dando il cinque ai bimbi.
    Bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con calma arriva anche l'altro...ah ah
      ma non sei arrivato fuori soglia??? Io pensavo esplodesse il cuore!!

      Elimina
    2. avendo paura del prosieguo, il nuoto me lo son pigliato con relativa calma. :-))
      Non ti preoccupare Guzzo, pigliati il tempo che devi. L'inverno è lungo e qualcosa da leggere dobbiam pur averlo.

      Elimina
  5. "Era come portare un bambino a Gardaland!" spettacolo sbavare davanti alle TTbike è proprio come un giro di giostra!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uomo, tutto quel carbonio assieme è una delle cose più belle di questo sport!!!

      Elimina
  6. ed ora aspettiamo la seconda parte!!!!!!!
    p.s la foto te e paolo xxl e come vedere me e maurone...hahahahh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah veroo... potremmo farne una tipo "trova le differenze"!!!!

      Elimina