domenica 23 ottobre 2011

Trebrinzio 2011 - Duathlon MTB

Fatta anche questa.
Oramai la stagione di triathlon è finita, ma la voglia di gustarsi l'adrenalina e la gioia che ti può dare una gara, questa mattina mi ha lanciato giù dal letto alle 6.30 e poi direzione Brinzio (VA), per una gara di duathlon in MTB.
14km mtb su e giù per i sentieri e 9km di corsa.
Direte... ora hai anche la MTB??? No no, me la sono fatta prestare dal grande Pres Roberto... THANKS!
Con la MTB non ci andavo da quando ero figatello e andavo in zona Pria o Ca Vecia (zone nei dintorni della mia patria Thiene), quindi questa posso considerarla come la mia PRIMA!
Dato che sono in periodo scarico, avevo deciso di fare la gara in staffetta, e come runner è venuta con me l'infaticabile Anna, detta Annina, anche lei from Varese Triathlon.
All'arrivo la temperatura a 3° preannuncia che sarà una giornata durissima, Katia come potete ben immaginare... era felicissima!!!
Scaldo un po' le gambe con super Kekko, poi con Il Campione Roby, ok siamo pronti... tutti alla partenza.
La tonnara del nuoto, qua diventa una battaglia di bici e gomiti per passare avanti... e dopo 20mt... bum, due davanti a me si scontrano e volano in aria... evito all'ultimo di infilarmi... bhè se l'inizio è questo... prepara l'armatura IronGuzzo che oggi sono cazzi!
Il gruppo si sfoglia lungo un tratto d'asfalto e poi si inizia con lo sterrato, le foglie morte per terra, sassi, radici, rami, massi, erba scivolosa, salite salite salite, discese, discese, stradine....
Insomma tutto l'opposto di quello a cui ero abituato con la bici da corsa.
Tutto diverso poi l'assetto che devi avere in sella, d'istinto in salita mi veniva da mettermi in piedi sui pedali ma era l'errore più grande che potevo fare perchè la bici sgommava dietro e mi bloccavo.
Tanti i tratti in salita in cui sono dovuto scendere e portar su la MTB a mano.
La cosa che più mi ha impressionato sono i battiti del cuore che erano perennemente a manetta, pazzesco sempre col collo tirato, fiatone immenso e pochi i punti in cui riuscivo a recuperare.
Oltre che alle gambe per me serve anche tanta esperienza, sia in salita ma anche in discesa, dove ho visto gente buttarsi giù in modo pauroso, dove io, per mia sicurezza e forse anche per cagarella, tiravo il freno!
Ho sorpassato qualcuno, in molti mi hanno sorpassato, molte volte ho rischiato di volare a terra, molti sono volati a terra... però alla fine, ma molto alla fine, mi sono divertito!!!!
Dopo i tre giri, il time segnava 48min 39sec per 14km.
Parte l'Anna che non si era accorta che arrivavo perchè era intenta nel suo sport preferito... chiacchierare (eh eh eh) e dopo le urla della Katia per avvisarla, parte per i suoi due giri a manetta.
Al primo giro aveva ancora la forza di ridere e parlarci mentre passava, ma sono sicuro che il percorso è stato duro per lei (lo sarebbe stato tantissimo anche per me!), ma da brava guerriera del Varese Triathlon, non ha mollato 1cm!
Alla fine siamo arrivati 63 su 71 ma... non è importante questo, l'importante era passare una mattinata di sport, tanto per non dimenticarsi di quel brivido che dà la gara, e poi per divertirmi un po con il folto gruppo del Varese Triathlon, presente sia in gara che a tifare.

Per la cronaca grandissimo secondo posto individuale di Andrea Cotella e secondo posto staffetta per la nostra del VaTri formata da Pedon Silvio e Macchi Andrea.

Pres Roberto e Silvio
Grande 14° individuale di super Kekko, che anche con la MTB fa vedere di avere un grande talento e una grandissima voglia di combattere in ogni specialità!

Kekko in action
E ora.... castagne, me le sono meritate!

Ciao
Guzzo

ps appena avrò qualche foto la posterò, al momento, causa Katia che si era dimenticata la macchinetta fotografica a casa... non ne ho...

6 commenti:

  1. Grande Guzzo, ora anche DUATLETA, chi ti ferma piu'!!

    RispondiElimina
  2. quindi? ci riproverai con la mtb?

    RispondiElimina
  3. @marco: mi sa che fra poco mi ferma la Katia (mia moglie)... col bastone!!!!

    RispondiElimina
  4. @stefano: aggiornato ad adesso no... però se gli altri del gruppo mi spronano chissà.... diciamo che 100 bei km sulle appendici li preferisco ancora!!!

    RispondiElimina
  5. su tutti i fronti...la mtb indubbiamente è bella.
    io ora mi dedico a Firenze e poi verso una una nuova stagione triatletica

    Alessio (kaiale)

    RispondiElimina
  6. @kaiale: bella ma molto dura, si va sempre oltre soglia (almeno io)...
    Vai e conquista Firenze... direi che finire l'anno con un bel PB non sarebbe proprio male!!!

    RispondiElimina